Il Progetto Northmoor

a cura di Franco Manni

Nel 2020 Grandi appassionati di Tolkien come Sir Ian McKellen, John Howe, Annie Lennox,

Martin Freeman, John Rhys-Davies, Sir Derek Jacobi, Julia Golding hanno lanciato un progetto

nuovo, utile ed interessante. Ecco il loro originale appello:

Puoi aiutare a creare il primo centro letterario al mondo dedicato a Tolkien.

Sostieni la campagna per salvare la casa di J.R.R. Tolkien e creare un centro letterario.

20 Northmoor Road è la sua vecchia casa a Oxford dove ha scritto Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli.


J.R.R. e Edith Tolkien si trasferirono al 20 di Northmoor Road con la loro giovane famiglia nel 1930. Nei successivi cruciali 17 anni la casa fu il cuore della vita dei Tolkien. Fu qui che J.R.R. Tolkien scrisse Lo Hobbit, che aveva iniziato come una storia della buonanotte per i suoi figli, e lo seguì con un altro viaggio inaspettato. Quel libro divenne Il Signore degli Anelli.



PERCHE'?


Non c'è nessun centro letterario dedicato agli studi su Tolkien nel mondo - un fatto notevole considerando l'importanza e la continua popolarità dello scrittore. Questa è la casa perfetta per sistemare la situazione.


COSA?

Se la casa sarà assicurata ai fan di Tolkien, sarà ristrutturata in modo che l'ospite possa sperimentare come sarebbe stato visitare il professore nel 1940. Al piano superiore le camere da letto rifletterebbero le culture da lui inventate e il giardino verrebbe riportato a una bellezza di cui l'inventore di Sam Gamgee sarebbe orgoglioso.Si potrebbe quindi essere ospiti del Centro prenotando nel suo programma di ritiri, seminari di scrittura e altri eventi culturali, o partecipare virtualmente al programma online.


A differenza di altri scrittori del suo calibro, non c'è un centro letterario dedicato a Tolkien da nessuna parte nel mondo - noi cerchiamo di cambiare questa situazione. La nostra visione è quella di rendere la casa di Tolkien, non un arido museo, ma una casa accogliente di creatività continua, ispirando nuove generazioni di scrittori, artisti e registi. La casa avrà anche una presenza online coinvolgente per portare nel programma della casa coloro che non possono viaggiare a Oxford. Ma è una corsa contro il tempo per noi per comprarla prima che lo faccia qualcun altro!


SE RACCOGLIAMO:


4 milioni di sterline (5,4 milioni di dollari) - possiamo comprare la casa.

4,5 milioni di sterline (6,1 milioni di dollari) (Per altre 500.000 sterline) - potremmo ristrutturarla in una casa accogliente che Tolkien riconoscerebbe e restaurare il giardino.

4,6 milioni di sterline (6,2 milioni di dollari) (Per altre 100.000 sterline) - potremmo istituire un fondo per le borse di studio per aiutare coloro che provengono da un ambiente a basso reddito a venire alla casa per uno dei corsi creativi o eventi speciali.

£ 4.7m ($6.3MM USD) (Per altre £200 000) - potremmo costruire una casa hobbit alla fine del giardino.

£ 4.8m ($6.45 MM USD) (Per altre £200 000) - potremmo costruire un flet sull'albero di Tolkien e la tana di Smaug per i fumatori di pipa.





* * * * * *


Purtroppo per miope gelosia ed invidia la Tolkien Society Britannica, invece di salutare con gioia il Progetto Northmoor e aiutarne la realizzazione, ha voluto ostacolarlo.

Peccato!

Ecco cosa ha dichiarato la Tolkien Society sul progetto Northmoor:




Dichiarazione sul progetto Northmoor


Inviato da Shaun Gunner alle 14:00 il 8 dicembre 2020


Gli amministratori della Tolkien Society desiderano chiarire ai membri della Società, ai sostenitori e al pubblico che essa non è coinvolta o affiliata a Project Northmoor.


Project Northmoor è una società separata che cerca di acquistare la casa di Tolkien. Circa tre settimane fa hanno contattato il nostro presidente, Shaun Gunner, chiedendogli di prendere parte ad un video promozionale per la loro campagna. Shaun ha chiesto a Project Northmoor maggiori informazioni sul progetto e successivamente le ha condivise con tutti i fiduciari della Società.


La Tolkien Society è un ente di beneficenza di 51 anni registrato secondo la legge in Inghilterra e Galles (n. 273809). La Società cerca di educare il pubblico e promuovere la ricerca sulla vita e le opere di J.R.R. Tolkien. Per raggiungere questo obiettivo, i suoi 2.500 membri sostengono il suo lavoro, compreso il suo archivio, le sue pubblicazioni, i suoi eventi, il suo progetto Tolkien and the World, le sue targhe blu e i suoi memoriali, e la sua borsa di studio. La Società ha anche sostenuto altre organizzazioni come Sarehole Mill, lo Story Museum e il Pembroke College, che la Società considera come un aiuto per educare il pubblico alla vita e alle opere di J.R.R. Tolkien.


In quanto principale organizzazione tolkieniana, gli amministratori hanno valutato se il progetto Northmoor avrebbe aiutato a raggiungere l'obiettivo della società di educare il pubblico e promuovere la ricerca sulla vita e le opere di J.R.R. Tolkien. Gli amministratori hanno concluso all'unanimità che non è così.

Le preoccupazioni specifiche dei fiduciari includono che:


  1. Il piano di due pagine del progetto Northmoor mancava di dettagli sufficienti;

  2. Nessun membro di spicco della comunità di Tolkien - siano essi scrittori, accademici, artisti, ecc - sono direttori della società, o sono nominati come responsabili del progetto;

  3. Questo non sarebbe un museo e non sarebbe aperto al pubblico;

  4. L'intenzione principale di Project Northmoor sembra essere quella di condurre laboratori creativi, piuttosto che programmi educativi su Tolkien;

  5. Il piano di Project Northmoor include ritiri spirituali, che non rientrano nell'obiettivo della Società;

  6. Il loro modello di business include la gestione di un bed and breakfast, con un guardiano residente a tempo pieno;

  7. La proprietà stessa è un edificio elencato in un'area protetta - con una targa blu che mostra orgogliosamente il suo legame con Tolkien - il che significa che la proprietà è ben protetta dalla legge e non ha bisogno di essere salvata;

  8. La relazione tra l'organizzazione statunitense e quella britannica non era chiara; e essendo una nuova organizzazione - il Progetto Northmoor esiste solo da un mese - è difficile valutare la loro abilità, la capacità e l'abilità di realizzare il progetto con successo.


Gli amministratori volevano fornire questa trasparenza della loro conversazione a beneficio della comunità di Tolkien. Gli Amministratori - come è loro dovere legale secondo la legge in Inghilterra e Galles - stavano considerando i migliori interessi dell'ente e se questo ha raggiunto l'obiettivo dell'ente.


Per le ragioni di cui sopra hanno ritenuto di no.


Gli Amministratori della Tolkien Society


8 dicembre 2020


* * *

Dopo meno di un anno dal suo lancio il Progetto Northmoor non ha avuto il successo sperato e la quantità delle donazioni è stata insufficiente per comprare la casa originaria di Tolkien. Così che , due settimane fa , i promotori del Progetto hanno scritto il seguente messaggio:



22 marzo 2021


Cari amici,


Grazie per tutto il vostro meraviglioso sostegno negli ultimi tre mesi. Purtroppo non siamo riusciti a trovare una strada per finanziare l'acquisto della casa prima che il venditore scegliesse un'altra parte.


Ci dispiace che non siamo riusciti ad arrivare più velocemente, ma abbiamo dato il massimo. Siamo stati interamente gestiti da volontari, quindi grazie a tutti coloro che hanno aiutato a gestire la campagna.


La storia non è finita. Questa notizia significa che allestiremo il centro letterario altrove a Oxford (ulteriori informazioni su questo verranno poi).


Un grande grazie ancora una volta!


Il team del Progetto Northmoor




Qui vorrei ricordare che nel 2012 il mio amico Alex Lewis scrisse uno studio sulla possibilità di aprire un Museo dedicato a Tolkien.


Propose 12 possibilità. La 12sima era che il Museo fosse fondato e gestito dalla Tolkien Society stessa. Egli focalizzò il suo studio su questa 12sima possibilità e il risultato fu che questo certamente non poteva essre fatto per impossibilità finanziaria.


Per le altre 11 mostrò che erano assai più fattibili – per esempio la numero 4 sulle persone che hanno fatto i film della New Line, ipotesi che è stata tentata proprio dal Progetto Northmoor - ma, anche, che alcune di esse richiedevano una volontà “politica” che, per allora (e per ora) non vi era e non vi è. ... basti pensare alle ipotesi 1 e 3 (della Università di Oxford attraverso alcuni dei suoi Colleges e la casa editrice delle opere tolkieniane Harper & Collins): sono ipotesi veramente fattibili, ma richiedono una decisione filosofica-ideologica che per ora, col Modernismo Letterario ancora dominante tra gli intellettuali, non è ancora matura.


Dal canto mio, io infatti penso che , per adesso, sia la Università sia la Casa Editrice non vogliano aderire a uno “sdoganamento” della dignità culturale del genere fantasy.


Comunque ecco le 12 ipotesi (Che Alex Lewis mi ha autorizzato a pubblicare su “Endòre”)



Premessa


Non sono stato incaricato di produrre questo rapporto - è stato fatto nel mio tempo libero come progetto personale. Il Museo o Centro della Memoria di Tolkien nella costituzione è uno degli obiettivi della Tolkien Society fin dalla sua formazione. Questo obiettivo di creare un museo o un centro per lo studio delle opere di Tolkien è molto lodevole.




Opzioni per raggiungere l'obiettivo di un Museo o Centro Memoriale e di Studio dedicato a JRR Tolkien.

  1. Convincere uno dei college di Oxford (Merton, Pembroke o Exeter) collegati a Tolkien a riservare una stanza da intitolare a lui in cui potrebbe essere collocata una mostra permanente. La biblioteca Bodleian ha la sua collezione, e potrebbe forse prendere in considerazione l'idea di una mostra permanente a Tolkien. I problemi con questo sono - l'accesso dei membri del pubblico, per non parlare della TS alla stanza e alla collezione all'interno; la maggior parte dei college (o la Bodleian) sarebbero molto riluttanti a permetterlo, e in secondo luogo il permesso ab initio - da quello che ricordo, nessuno dei college è mai stato interessato a farlo e anche se la biblioteca Bodleian ha messo su mostre di tanto in tanto (come quella del 1992 e del 2018) non sono mai state programmate come qualcosa di permanente.

    2. La famiglia Tolkien e/o il suo patrimonio istituiscono un museo in un luogo appropriato e lo dotano per la continuazione futura a lungo termine. Probabilmente hanno i soldi necessari per farlo, e naturalmente l'autorità. Se fossimo in grado di aggiungervi le nostre collezioni e i nostri archivi, raggiungeremmo il nostro scopo. Ma di nuovo, da quello che so, non c'è un piano del genere.

    3. Harper-Collins potrebbe aprire un museo o un centro di Tolkien? Possibilmente nella loro sede di Londra? Possono permetterselo. Le dimensioni dell'edificio suggerirebbero che c'è lo spazio necessario, se lo volessero. Potrebbero ottenere i permessi per farlo?
    Dovremmo chiedere loro se hanno considerato questa opzione. Se è così, si risolve il problema del finanziamento di un museo di Tolkien.

    4. La gente del cinema - Peter Jackson e/o Saul Zaentz - creano un museo e un centro visitatori. Questo sarebbe naturalmente incentrato sui film - ma potrebbe avere spazio anche per noi. Problemi? Possono ottenere il permesso di procedere, e vogliono farlo? Sarebbe quasi certamente in Nuova Zelanda o in America - non in Gran Bretagna. Dobbiamo scoprire da loro se hanno dei piani per questo tipo di impresa - chiedere in confidenza, e a lungo termine, dichiarando i nostri obiettivi e come coinciderebbero in qualche modo con i loro. In alternativa, finanziano l'allestimento e la gestione di un museo qui, a cui diamo il nostro nome. Se Zaentz fosse coinvolto, potrebbero ottenere il permesso attraverso i loro canali per una tale impresa. Dobbiamo chiedere se esiste questa possibilità.

    5. Il consiglio comunale di Oxford potrebbe essere interessato ad un centro visitatori per i turisti su un tema di Tolkien. Sono ragionevolmente ricchi e potrebbero facilmente permettersi di riservare delle stanze - diciamo nel Municipio, o in un altro edificio pubblico (la biblioteca? il museo cittadino, che si trova sul monte del castello) dove la Tolkien Society potrebbe portare le sue collezioni ed esporle. Dubito che lo farebbero, conoscendo l'atteggiamento che tendono ad avere nei confronti degli "autori moderni" (lo stesso dell'Università a questo proposito!) e il fattore città contro città. Inoltre, come la biblioteca Bodleian, è probabile che potrebbero considerare una mostra temporanea che verrebbe smontata dopo alcune settimane al massimo. Ma potremmo chiedere loro se potrebbero considerare un centro Tolkien permanente in futuro.

Consiglio di Birmingham, a Sarehole Mill. Credo che questo fosse un progetto pianificato da tempo con grandi speranze. Sostenuto da un ex presidente della ST, un centro commemorativo di Tolkien doveva essere costruito e gestito da Birmingham e noi dovevamo offrire supporto, materiali ecc. - se ricordo bene.

7. Consiglio comunale di Birmingham - museo della città. Una stanza di Tolkien lì dentro? Questo dipenderebbe da quanto la considerano rilevante, e se al punto 6 di cui sopra la proprietà non ha espresso dispiacere al pensiero di fare qualcosa legato a Tolkien, nel qual caso sarebbe morto prima di decollare. Considererebbero anche un'esposizione permanente?

8. Altri attori commerciali che vogliono e possono allestire un museo di Tolkien. Se dovessimo cooperare con loro, potremmo assecondare i loro piani e avere lì anche le nostre collezioni/archivio. Lo svantaggio è che siamo sempre alla mercé degli interessi commerciali e un tale museo potrebbe letteralmente chiudere da un giorno all'altro se i fondi si prosciugassero o se il business case si rivelasse insostenibile.

9. L'Ashmolean Museum di Oxford, essendo un'istituzione indipendente, potrebbe forse avere una stanza che potrebbero dedicare a Tolkien in modo permanente piuttosto che solo come mostra occasionale. Immagino che dovremmo dimostrare che ci sono stati i visitatori extra generati per giustificarlo - qualcosa che sarebbe difficile da fare. Sarebbe anche al capriccio dei loro espositori - che potrebbero rimuovere completamente qualcosa se si pensa che sia troppo statico ecc.

10. Trovare altre società letterarie con ambizioni simili e unire le risorse per fare un museo comune. Per esempio, un Inklings Museum per Tolkien, Lewis e Williams funzionerebbe possibilmente negli USA dove gli ultimi due sono ancora relativamente conosciuti e ancora in stampa. Lo svantaggio è che ci leghiamo alla fortuna di qualche altro autore.

11. Trovare una società letteraria con un museo dedicato al suo autore e appoggiati a loro - se hanno spazio libero o vogliono un'attrazione extra per guadagnare più visitatori, potremmo avere una 'Tolkien Room'. Questo riduce drasticamente i costi di allestimento e di gestione per la Tolkien Society. Il rovescio della medaglia sarebbe che Tolkien sarebbe visto come il "partner minore" e questo potrebbe effettivamente danneggiare la sua reputazione piuttosto che fare del bene.

12. Comprare e gestire una proprietà di nostra proprietà. Questo significherebbe avere il pieno controllo del nostro destino, ma ha implicazioni di costo e di fattibilità




* * *



Io ho mandato questo report di Alex Lewis alla redazione del Progetto Northmoor che così mi ha risposto:


Grazie, Franco.


È un pensiero molto gentile. In realtà abbiamo già in mente una sede alternativa a Oxford.


Il nostro obiettivo è sempre stato un centro letterario, quindi stiamo creando un centro per la creatività, in particolare per la scrittura creativa, seguendo le orme del nostro scrittore preferito e usando la città come ispirazione per la nuova generazione di scrittori fantasy.


I corsi online iniziano questo mese, e i corsi di persona l'anno prossimo se la pandemia lo permette - forse prima se è possibile.


Non potendo avere la casa, l'ispirazione migliore che ci è venuta in mente è stata quella di tenere i corsi nei college associati a Tolkien e agli altri Inklings, così speriamo che la gente abbia la stessa sensazione di percorrere gli stessi sentieri.


Saluti da

Progetto Northmoor



* * *


Inoltre Alex Lewis, stimolato dalla nostra corrispondenza a ritornare a questa indagine che aveva fatto nel 2012, si è messo ad approfondire una delle possibilità della lista e cioè il Museo di Tolkien come appendice della Bodleian Library di Oxford. Mi ha mandato queste riflessioni ed ha accettato volentieri che le condividessi su “Endòre”:



28 Marzo 2021


Ciao Franco,


Ruth e io stavamo discutendo l'intera faccenda, e il mio punto di vista è che la Tolkien Society ha già tenuto 2 mostre a lungo termine nella Bodleian library Oxford - una nel 1992 e l'altra nel 2018, ed entrambe non solo hanno avuto successo, ma sono state super-frequentate . La prima nella Radcliffe Camera era piccola, ma interessante. La seconda era proprio accanto a Blackwells in un nuovo centro studi e sala espositiva appartenente alla Bodleian.


Sono sicuro che entrambe le mostre sono state un successo finanziario, e se avessero esteso quella del 2018 per altri 6 mesi, avrebbero ancora avuto prenotazioni. Una volta che non ci saranno problemi di copyright a scoraggiarli, OPPURE se riusciranno a ottenere l'appoggio della famiglia Tolkien e del suo patrimonio, potrebbero allestire una mostra permanente su Tolkien, con parti che vengono cambiate regolarmente per attirare di nuovo la gente.


Se fosse stato chiesto a me di progettare e allestire questa mostra, avrei re-immaginato e riutilizzato lo spazio disponibile in quell'edificio. Al piano terra, quando si entra attraverso una serie di porte in stile hall d'albergo, ci si trova di fronte a un enorme spazio aperto che sta andando in malora. Molto bello, aperto con pavimenti in marmo - e gli spazi espositivi al di là (divisi da pareti di vetro) sono a circa 30 metri da voi.


Personalmente ridisegnerei tutto questo spazio - metterei nuovi pannelli o porterei quelli esistenti in avanti di 20 metri per lasciare un foyer di 10 metri, sufficiente per entrare nell'edificio e mettere delle biglietterie. Poi creare due spazi espositivi grandi quanto lo spazio originale in fondo, ma il doppio. Quello a sinistra (diciamo) potrebbe essere la mostra permanente di Tolkien, e quello a destra assume le funzioni esistenti per gli spazi espositivi che richiedono.


Il bello di questo sarebbe che la location è il centro di Oxford, di fronte alla Radcliffe Camera su Broad Street !



Inoltre, la biblioteca Bodleian ha già del personale che fa questo - potrebbe aver bisogno di un paio di extra per aiutare; non troppo costoso. L'edificio esiste ed è loro ; quanto ho detto sopra sarebbe semplicemente una riprogettazione, che è molto più economica dell'acquisto di un intero edificio.


La loro assicurazione esistente per i loro libri rari e gli artefatti li coprirebbe, così come la loro assicurazione di responsabilità civile esistente per i visitatori. In realtà non hanno bisogno di creare un profitto giorno per giorno su questo - così in tempi bassi come l'attuale crisi dei Covid, che distruggerebbe finanziariamente la maggior parte dei musei privati, potrebbero cavarsela.

L'aumento del prestigio di Tolkien nel corso dei decenni lo porterà sicuramente ad essere visto come lo Shakespeare del 20° secolo in termini di importanza per la letteratura inglese e mondiale.

Quindi, se la biblioteca Bodleiana dovesse ottenere il permesso e allestire una terza mostra tra qualche anno, forse prevedere che duri un anno? Forse in un momento in cui qualche nuovo regista decide di rifare Il Signore degli Anelli in una versione diversa da quella di Peter Jackson? La mostra in quel momento potrebbe aprire su una base "temporanea a lungo termine", ma potrebbe facilmente ritrovarsi una caratteristica permanente a Oxford, mostrando un sano profitto per la Bodleian e diventando LA attrazione per coloro che vogliono dare un'occhiata ai "Tolkienalia".


Potrebbero anche organizzarsi per permettere alle persone l'accesso digitalizzato alle carte di Tolkien che sono depositate presso di loro - e questo creerebbe un centro studi.


Forse la biblioteca Bodleian dovrebbe assumere me.... 😉


Tutto il meglio !


Alex